Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

UniMi per la Pace, il Dialogo & la Libertà accademica

7 Maggio ore 15:00 > 17:00

Venerdì 7 maggio ore 15.00-17.00

Introducono

Marina Carini, prorettrice alla Terza Missione, attività culturali e impatto sociale, Università Statale di Milano

Antonella Baldi, prorettrice all’Internazionalizzazione, Università Statale di Milano

Marilisa D’Amico, prorettrice a Legalità, trasparenza e parità di diritti, Università Statale di Milano


I sessione
Pace & disarmo: società civile, cinema, letteratura

Società civile internazionale per il disarmo nucleare: ICAN, International Campaign to Abolish Nuclear Weapons, Premio Nobel per la Pace nel 2017, ‘Italia, ripensaci’

Francesco Vignarca, coordinatore Campagne della Rete Italiana Pace e Disarmo

Lisa Clark, co-presidente dell’International Peace Bureau

Il ruolo delle amministrazioni e delle comunità locali nella costruzione della pace. Il caso di Brescia.

Roberto Cammarata, docente di Filosofia politica, Università Statale di Milano, presidente del Consiglio comunale di Brescia e membro del consiglio direttivo di University for peace

“Abitare la terra di nessuno”. Una riflessione sulla pace possibile. Sulla scia di Christian Carrion (Joyeux Noël, 2005) e di Eric J. Leed (Terra di nessuno. Esperienza bellica e identità personale nella prima guerra mondiale, 2014)

Roberto Escobar, già docente di Analisi del linguaggio politico, Università Statale di Milano

Modera: Angela Di Gregorio, docente di Diritto pubblico comparato, SAR Italia e Università Statale di Milano


II sessione
Dialogo interreligioso, riconciliazione nazionale
e libertà accademica

Dialogo interreligioso e pace

Hafez Haidar, già docente di Lingua e letteratura araba, Università di Pavia e candidato al Nobel per la Pace nel 2017

Libertà di ricerca e sicurezza negli studi d’area

Daniela Melfa, docente di  Storia e istituzioni dell’Africa, Università degli Studi di Catania

L’Istanza di Verità e Dignità e la riconciliazione nazionale in Tunisia

Natalia Romanò, laureata magistrale in Lingue e Culture per la Comunicazione e la Cooperazione Internazionale, Università Statale di Milano e candidata al Premio Regeni 2021

Modera: Elisa Giunchi, docente di Storia e istituzioni dell’Asia, Università Statale di Milano



Per partecipare, iscriviti
qui

Organizzatore

Università Statale di Milano